The Town of Light (PC)

LKA.it affida a Laboratorio Comunicazione le attività di comunicazione di The Town of Light 10

È la prima volta che scrivo di un gioco italiano. Finalmente. E sono felice di poterlo fare con questo progetto (si, non l’ho chiamato gioco ma ne parleremo dopo) degli indipendenti LKA.it, toscani come me, ambientato nell’ex ospedale psichiatrico di Volterra (comunemente chiamati manicomi), paese delle colline pisane che conosco benissimo e ben prima che diventasse famoso come residenza di Volturni di Twilight.

Qualcuno lo ha definito il miglior video gioco horror italiano. Sbagliando. Perché questo NON è un horror. Non ci sono momenti da salto sulla sedia, mostri e compagnia bella. Certo, girovagare da soli all’interno di un ex istituto psichiatrico abbandonato non è come andare in gita a Gardaland, è discretamente inquietante, almeno per me che odio gli horror e non dormo la notte se ne vedo uno.

LKA.it affida a Laboratorio Comunicazione le attività di comunicazione di The Town of Light 3

L’inquietudine però non è data dall’ambiente, non solo. La storia che andremo a scoprire mano a mano che procederemo nella nostra esplorazione è una storia che parla di abbandoni, di abusi, di una malattia che nei primi del novecento faceva paura, non era capita. Ma è anche una storia d’amore, di persone buone (alcune), di redenzione e di consapevolezza. Molte sono le emozioni che si proveranno giocando a The Town of Light.

Lo sviluppo ha richiesto ai ragazzi di lka.it circa un paio di anni e la cura con la quale è stato realizzato si nota e traspare in ogni piccolo dettaglio. Provate per esempio a fare un giro nel parco che si trova all’entrata dell’ex-manicomio, potrete salire su quasi tutti i giochi, piccola cosa che però fa capire quanta passione abbiano dedicato al gioco.
Ogni ambiente è realizzato nei minimi particolari, vedere per credere.

This slideshow requires JavaScript.

Non è un’esperienza divertente, nel senso “giocoso” del termine, la storia narrata e le tematiche toccate sono profonde, impegnative, adulte, dobbiamo essere preparati ad affrontarle. Non è sicuramente un gioco per tutti, ma se siete anche un minimo interessati all’argomento oppure solo curiosi di capire cosa succedeva all’interno di questi istituti tra la fine del 1800 e la metà del 1900 (la legge che gli ha vietati è stata approvata negli anni ’70) non potrete fare altro che apprezzare e godere di questo gioiello.

Personalmente l’ho trovata un’esperienza meravigliosa. Grazie LKA.it.

Summary
Review Date
Reviewed Item
The Town of Light
Author Rating
51star1star1star1star1star