Operazione Nostalgia: MS-DOS Games Archive

Non è certo una novità pubblicata oggi, ma voi ci avete realmente dato un’occhiata fino ad ora? Si tratta dell’opera più bella dopo il passaggio dall’Amiga all’Olivetti 386 SX del 1991 (anni luce, non so se rendo l’idea a chi non è nato in quel periodo, forse un po’ improbabile). Il problema è solo quello del trovare il tempo adatto a tutto, quello per prendersi un attimo, fermarsi, riprovare quelle emozioni che solo un floppy disk dopo quasi 5 minuti di caricamento necessari alla copia nel disco fisso (così da sfruttare la maggiore velocità di quest’ultimo) poteva darti. Un archivio di giochi DOS che non necessita di nulla se non della vostra tastiera.

Operazione Nostalgia: MS-DOS Games Archive

Le prime notizie riguardo il vasto repository “MS-DOS Games” di archive.org risalgono ai primi giorni di quest’anno che ormai sta giungendo alla fine, e le feste che caratterizzano questo particolare periodo non fanno altro che dare vigore a quel senso di nostalgia per un tempo ormai passato, magari difficile da comprendere per chi non ha raggiunto almeno gli enta. Da Commander Keen a Wolfenstein 3D, passando da Prince of Persia (maledetto quel tempo mai sufficiente per salvare la principessa, come se non bastassero quelle difese tanto stupide quanto efficaci contro il protagonista del titolo) e la clava o i punti vita di Prehistorik, senza considerare altre perle come Jazz Jackrabbit (nelle sue varianti) e persino il primo Microsoft Flight Simulator.

Operazione Nostalgia: MS-DOS Games Archive 2

Il vantaggio è proprio quello citato poco sopra, il fatto di non dover toccare alcunché della vostra attuale configurazione. Nulla da installare, nulla da scaricare in maniera permanente. I giochi sono pronti per essere giocati, nulla di più lineare. Configurate i vostri tasti ma occhio a non prendere quelli scelti già dal sistema per i generici Pausa o Save / Load, ecc., che su OS X (ad esempio) non riuscirete più a “mettere d’accordo“, sarete costretti a riavvolgere la cassetta e ricominciare. Ma parte qualche giustificata pecca e compatibilità privilegiata con Windows io l’ho apprezzato e più volte aperto durante l’arco di questo lungo anno quasi passato.

E allora perché anche voi non gli date un’occhiata più approfondita prima di accantonarlo definitivamente?

Auguri!

Fonte immagine di copertina: 8-bit-anon.deviantart.com/art/Commander-Keen-120446596.