Captain America: The Winter Soldier

I device mobili sono diventati, da qualche tempo, la nuova casa dei tie-in: è molto meno costoso sviluppare un videogioco di questo tipo rispetto a un’eventuale versione console e per chi sviluppa il rischio economico è decisamente inferiore. Gameloft detiene tutte le licenze cinematografiche Marvel, quindi non sorprende che il gioco ufficiale di Captain America: The Winter Soldier venga proprio dalla “divisione” mobile del gruppo Ubisoft. Si tratta di un action RPG che mischia diversi elementi tratti dal film con altri provenienti invece direttamente dal fumetto. Lo stile grafico sembra infatti uscire proprio dalle pagine cartacee, mentre la trama dell’avventura segue abbastanza fedelmente quanto visto sul grande schermo.

Nel centinaio di missioni che compone il gioco impersonerete, ovviamente, l’eroe americano per eccellenza, mentre un paio di compagni dello S.H.I.E.L.D., controllati dall’intelligenza artificiale, vi daranno una mano a uccidere i nemici. L’arma principale di Steve Rogers è ovviamente il suo amato scudo, che potrete utilizzare come se fosse un boomerang, ma dovrete colpire gli avversari almeno un paio di volte per metterli al tappeto. Non avrete una gran libertà di movimento, visto che è praticamente tutto predefinito e vi limiterete a tappare sullo schermo per dirigere il vostro piccolo plotone. I combattimenti sono molto semplificati, come tutto il resto, ma considerando che l’obiettivo del gioco è proprio quello di essere quanto più possibile istantaneo, c’è poco da discutere su queste scelte.

captainscreen01

Portando a termine le varie missioni vi metterete in tasca monete e altri bonus che vi serviranno per sbloccare potenziamenti e nuovi costumi (ce ne sono davvero tanti) per Captain America. Certo, potrete anche sfruttare gli in-app purchase per accelerare i tempi, ma possiamo dirvi che questa volta, essendo il gioco a pagamento, la velocità di sblocco dei vari elementi segue un andamento piuttosto naturale. Come detto prima, in battaglia sarete affiancati da alcuni membri dello S.H.I.E.L.D., le cui fattezze, però, non saranno sempre quelle degli attori che li interpretano nella realtà (per intenderci, Captain America e Maria Hill hanno il volto di Chris Evans e Cobie Smulders, mentre Vedova Nera e Nick Fury non sono purtroppo Scarlett adorata e Samuel L. Jackson). Ma si tratta di paturnie estetiche che non impattano assolutamente sul gameplay, quindi non preoccupatevi.

Ciò che impatta sul gameplay è purtroppo la noia che pervade l’atmosfera dopo aver giocato qualche missione. Certo, la difficoltà aumenta man mano che si va avanti, ma ci si ritrova più o meno a fare sempre le stesse cose, senza grossi elementi di sfida. Ed è questo il peggior difetto del tie-in di casa Gameloft: la licenza è forte, ma l’impianto del gioco che ci è stato costruito sopra è invece un po’ deboluccia. Tecnicamente il gioco c’è tutto, come già sottolineato all’inizio, non solo graficamente ma anche a livello sonoro e i contenuti presenti sono davvero tanti, in linea con il prezzo di vendita (2,69 €, è il più alto per un gioco Gameloft da un po’ di tempo a questa parte), ma il gameplay non è molto vario e, alla lunga, diventa piuttosto noioso. Non mi sento di consigliarlo espressamente, ma nemmeno di sconsigliarlo, visti gli elevati valori in campo. La sufficienza c’è tutta, ma al prossimo tie-in (sarà quello dei Guardiani della Galassia?) Gameloft dovrebbe impegnarsi un po’ di più.