Asphalt 8: Airborne (iOS)

L’annuale appuntamento con Asphalt è atteso dai possessori di smartphone tanto quanto quello con la serie Need for Speed per chi possiede una console: se c’è un gioco che è stato in grado di impedire ad EA di dominare su iOS, quello è sicuramente l’adrenalinico racing game di casa GameLoft. Asphalt 8 prosegue sulla strada percorsa dai precedenti episodi, inserendo novità non troppo sostanziali, ma che apportano comunque un miglioramento rispetto a quanto visto dodici mesi orsono. Il motore fisico è stato completamente riscritto, ma in direzione ancora più arcade, tanto che spesso e volentieri vi capiterà di effettuare salti e giravolte lunghissime per guadagnare qualche secondo. Pur avendo guadagnato questa skill, però, le vetture si comportano in modo molto strano in derapata, l’unico difetto piuttosto marcato di un modello di guida e di un sistema di controllo alquanto soddisfacenti in generale. Il gioco è molto vasto come i suoi precedessori: ci sono circa 45 auto differenti, oltre a piste dall’ambientazione piuttosto varia. La carriera è senza dubbio la modalità più accattivante, perché saranno i risultati ottenuti attraverso le numerose gare che la compongono a permettervi di guadagnare punti per sbloccare nuove auto e potenziamenti. Ci sono sei tipi di “challenge” disponibili, dalle classiche corse in cui conta chi primo arriva a gare in cui vincerà chi elimina il maggior numero di veicoli e così via.

AsphaltScreen

Non manca la possibilità di giocare in multiplayer, sia in modo sincrono che asincrono, e in questo caso GameCenter vi sarà molto utile perché vi segnalerà automaticamente la presenza di avversari per sfidarli. Rispetto agli ultimi episodi, GameLoft ha scelto di non rilasciare gratuitamente l’applicazione, facendola comunque pagare solo 0,99 € su iOS (anche se è stata già resa gratuita per un weekend, nelle scorse settimane). Le meccaniche di sblocco restano quelle tipiche di un titolo freemium, per cui se siete impazienti di sbloccare nuove vetture o piste, l’unico modo sarà quello di sborsare qualche Euro aggiuntivo. Le stesse cose si possono ottenere giocando con pazienza e dedizione, ma la fretta si paga. A scanso di equivoci, non considero un difetto questo aspetto, visto che non fa altro che attenersi a quelle che sono le attuali tendenze del mondo mobile. Dal punto di vista visivo, Asphalt 8 ha una resa davvero straordinaria, soprattutto su iPhone 5 e iPad 3/4, mentre sui dispositivi più vecchi, pur sfoggiando comunque una grafica di altissimo livello, mostra qualche incertezza nel frame rate di tanto in tanto, ma comunque nulla di particolarmente compromettente. Il gioco si dimostra valido anche per quanto riguarda il sonoro, sia a livello di effetti che di colonna sonora, che sfoggia artisti del calibro di Bloc Party e Crystal Method. Alla fine della fiera, ho apprezzato molto questo Asphalt 8: Airborne, che ho trovato migliorato rispetto ai precedenti episodi e con cui mi sono divertito sia in sessioni di gioco brevi (in metropolitana, in sala d’attesa all’aeroporto) che lunghe (in aereo da Barcellona a Milano mi ha praticamente tenuto impegnato per tutto il viaggio). Promosso, secondo me.