Xbox One: Tutto quello che c’è da sapere

Sono passate solo un paio d’ore dal termine di due eventi pazzeschi. Il primo il nostro primo tentativo di diretta streaming, che per quelli che hanno deciso di seguirci, speriamo sia stato apprezzato. E ovviamente il tanto atteso annuncio della nuova console Microsoft: Xbox One.

Partiamo subito col dire che a differenza dell’annuncio di Sony con Playstation 4 (qui i nostri due articoli: 1,2), Microsoft ha svelato fin da subito quello che sarà l’hardware della nuova console. Un design piuttosto diverso da quello attuale, più asciutto, meno sinuoso nelle forme, che ai più ha ricordato un DVR o un lettore DVD. Un team dedicato di 27 persone con il dichiarato intento di creare una console che sembrasse all’occhio tradizionale e al tempo stesso moderna nella percezione del design.

Revisione stilistica anche per il gamepad che non presenta più il bottone Xbox per collegarci ai servizi di Xbox Live tra i due stick analogici, spostato più in alto. Il pad sembra altresì essere più piccolo come la versione S che fu della prima Xbox e maggiormente ergonomico, con un netto taglio del vano batteria posteriore e un risultato frutto di uno studio di oltre 200 modelli 3D per raggiungere il massimo della piacevolezza al tatto, anche per i più piccini.

Passiamo alle caratteristiche tecniche, praticamente identiche a quelle di PS4:

  • 8 Core CPU
  • 8 GB System Memory
  • 500 GB HDD
  • Blu-ray Drive
  • 802.11n Wireless with Wi-Fi Direct
  • HDMI In/Out
  • USB 3.0

Una volta rivelato il “cuore” della nuova console, la presentazione si è focalizzata soprattutto sull’interazione con la macchina. Essendo venduta direttamente con Kinect in bundle, la nuova Xbox One garantirà un esperienza di interazione vocale e tattile molto più integrata rispetto a Xbox 360.

Xbox_Consle_Sensr_controllr_F_TransBG_RGB_2013

Infatti la presentazione è iniziata con un “Xbox On” comando attraverso il quale la console ha preso vita, e attraverso altri comandi vocali sarà possibile passare dalla TV, alla musica, ai giochi con la sola nostra voce. L’attivazione sarà immediata e si potrà riprendere in pochi secondi qualsiasi gioco da qualsiasi punto lo si era lasciato. E se ci si muove tra un’app e l’altra mentre si sta giocando, il gioco si interrompe esattamente dove lo si era lasciato, con una ripresa istantanea.

L’interfaccia è oramai quella a “mattoncini” che abbiamo imparato a conoscere proprio grazie a Xbox 360 in primis ma poi anche su Windows Phone prima e su Windows 8 poi. E parlando di integrazione due importanti annunci sono avvenuti anche nella direzione di piattaforma unica per tutte le esperienze. Infatti abbiamo assistito come Internet Explorer è pienamente integrato nell’esperienza di visualizzazione della TV via cavo, oppure l’altra grande novità quella della piena integrazione di Skype all’interno di Xbox One.

Registra, gioca e interagisci

Ma non possiamo parlarvi di Skype senza aver fatto accenno alle altre caratteristiche della console.

Kinect in primis. Il nuovo device riuscirà a trasmettere 2GB al secondo a Xbox One, in full HD a 1080p, offrendo il 60% di visuale in più rispetto al predecessore e introducendo la tecnologia “time of flight” che permette al nuovo sensore di misurare il tempo impiegato dai fotoni per rimbalzare sui giocatori funzionando perfettamente anche in situazioni di oscurità grazie alla tecnologia infrarossi. Queste novità permetteranno di leggere con precisione alcuni dati delle persone di fronte al nuovo Kinect come il peso o il numero di battiti durante un esercizio. Non ultimo la possibilità di utilizzare Kinect come strumento per accendere e spegnere addirittura la nostra TV, visto che resterà sempre in standby anche a console spenta.

Così menzionato prima, la funzionalità “Snap” tipica di Windows 8, dove è possibile spostare ai bordi dello schermo un’applicazione qualsiasi, è stata pienamente implementata in Xbox One e in particolare su Skype. Combinando l’alta qualità di Kinect e la potenza di Xbox One potremo realizzare videochiamate di gruppo mentre stiamo giocando a un gioco, guardando un film, la tv o ascoltando musica. Un’interazione always on!

L’Hard Disk di Xbox One, inoltre, si trasforma in un registratore a tutti gli effetti permettendo di registrare qualsiasi frame di gioco si stia affrontando e condividerlo con gli amici.

Qui il video di Wired.com che ha avuto l’esclusiva PR di Xbox One.

Xbox Live

Saranno 300.000 i server che verranno messi a disposizione di Xbox One, un numero impressionante se considerate che ne furono messi a disposizione solo 50 per l’avvio del servizio.

20130514-XBOX-ONE-004-660x440

Il multiplayer beneficerà di 128 utenti connessi allo stesso momento, ma soprattutto della novità “Smart Match

Smart Match è un nuovo sistema di matchmacking che include un sofisticato algoritmo dove quando andremo online per trovare un avversario da affrontare, verremmo accoppiati per affinità di skill, lingua e reputazione. Inoltre un nuovo sistema di stanze permetterà agli utenti di giocare, guardare TV o ascoltare musica mentre si è in attesa di trovare un avversario.

Il limite di amici all’interno della lista non sarà più di 100 come per Xbox 360, ma bensì di 1000 e pare vi saranno molte novità di integrazione con il mondo social dove poter includere amici anche da altre liste, così come scegliere di mostrare il nick name o il proprio nome personale alle cerchie di amici scelte a priori.

Sarà possibile la chat tra un utente Xbox One e Xbox 360.

Conferme e scongiure

Rispetto a quanto preannunciato dai rumor in rete, non sarà necessario avere la console costantemente connessa ad Internet per poterci giocare. Vengono confermati invece quelli sulla retrocompatibilità con i giochi Xbox 360, non funzioneranno su Xbox One.

Infine, un ultimo aggiornamento sui giochi usati. Funzioneranno ovviamente su Xbox One i giochi usati, ancora non è stata confermata la voce per la quale se si vuole giocare un gioco usato comprato da GameStop o prestato da un amico si debba pagare una piccola fee.

I Giochi

Tutti i giochi di Xbox One andranno installati tassativamente sull’HDD, questo per garantire l’esperienza non-stop sopra descritta, ma anche per associare quel determinato gioco a quel determinato account di Xbox Live.

Nei primi 12 mesi di vita Xbox One riceverà 12 giochi in esclusiva, 8 dei quali saranno nuovi franchise. Tra i primi annunciati Forza Motorsport 5, Fifa 14, NBA Live 14, UFC, Madden NFL 14, Call of Duty: Ghosts, Quantum Break (un nuovo titolo degli studi Remedy – gli stessi di Alan Wake).

Qui trovate tutti i trailer mostrati

Sebbene si possa pensare che siano stati pochi i giochi mostrati, non si sono fatte attendere le conferme avvenute subito dopo attraverso gli annunci delle varie Software House: Assassin’s Creed 4: Black Flag, Thief, Battlefield 4, Destiny 

Intrattenimento

A dimostrazione di quanto Xbox One punti a diventare l’hub dell’intrattenimento domestico, Microsoft ha voluto giocare la sua carta migliore: Halo.

Tuttavia non attraverso il quinto capitolo della saga, ma ingaggiando uno dei migliori registi degli ultimi tempi o quantomeno quello che ha calcato con maggiore successo il Cinema mainstream, ovvero Steven Spielberg

343 Industries, ovvero la software house dietro lo sviluppo di Halo 4 e di quelli a venire, collaborerà con il noto regista per la realizzazione di una TV Series basata proprio su Halo!

Non vediamo l’ora di vedere quello che uscirà fuori!

Conclusioni

Ci sono molte altre cose che Microsoft ha annunciato oggi insieme a Xbox One, ma che abbiamo preferito non menzionare in quanto per il momento strettamente legate al mercato americano, come ad esempio la integrazione piena con la guida tv delle trasmissioni via cavo, o la piena interazione con i programmi della ESPN.

Detto questo, seppur breve, le aspettative dell’evento non sono state tradite. Volevamo una nuova console e una nuova console ci hanno dato e, sebbene in molti fossimo avidi di visionare quanto più materiale videoludico possibile nello stesso momento, c’è bisogna anche rendersi conto che le tempistiche rispetto a una volta sono state di molto anticipate, in quanto storicamente tutti gli annunci vengono fatti durante la fiera E3 di giugno.

Ed è proprio lì che Xbox One ha rimandato l’appuntamento più importante. Un confronto diretto e i primi hands-on con i quanto ci sarà da aspettarsi da lì alla fine dell’anno.

Non abbiamo ancora una data certa per il rilascio, né un prezzo.

Sappiamo solo che la potremo scartare nel 2013 con tutti i sacri crismi di un unpacking.

Noi non staremo a fare quelli che vi dovranno convincere per forza quale sarà la migliore console di prossima generazione, ma certamente saremo qui per aiutarvi a capire quale sarà più vicina ai vostri stimoli.

Buon gioco a tutti!